Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accettando questa informativa dai il consenso al loro utilizzo. Ok Voglio saperne di più

Agribi promuove l’incontro tra domanda e offerta di lavoro

mer 09 ottobre 2019

Verona, 8 ottobre 2019 - Agribi, ente bilaterale veronese per l’agricoltura, sarà il primo in Italia che adotterà servizi e strumenti in favore di una maggiore e migliore occupazione nel settore primario, introducendo attività di servizi per agevolare l’incontro trasparente tra la domanda e l’offerta di lavoro. Un ruolo che sarà riconosciuto dalla Regione Veneto e si svolgerà in collaborazione con Veneto Lavoro e Anpal (Agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro), che sarà fondamentale anche per rafforzare l’impegno nella lotta al caporalato nel rispetto della legge 199/2016.

Per svolgere questo ulteriore servizio l’ente bilaterale veronese, di cui fanno parte Coldiretti, Confagricoltura, Cia , Fai-Cisl, Flai-Cgil e Uila-Uil, ha modificato lo statuto per assumere lo status di associazione riconosciuta, necessario per l’accreditamento con la Regione Veneto. Lo strumento agevolerà l’incontro trasparente tra la domanda e l’offerta di lavoro del settore primario, dando un importante contributo per risolvere il problema della carenza di manodopera nei campi, che negli ultimi anni è diventato particolarmente pesante anche a causa del numero sempre più limitato di braccianti di provenienza extracomunitaria autorizzati dal decreto flussi ministeriale. Fino al 2015 gli stranieri assegnati alla provincia di Verona per le raccolte stagionali erano 1.200, mentre poi il numero è stato ridotto drasticamente a 300. Un numero assolutamente insufficiente rispetto alla domanda di manodopera. In Veneto le offerte di lavoro in agricoltura arrivano per il 40 per cento dalla provincia di Verona, con 28.000 occupati a tempo determinato e 2.000-2.500 a tempo indeterminato.

“L’ente bilaterale per l’agricoltura veronese, già all’avanguardia a livello nazionale nell’attività della sicurezza e del welfare, diventa capofila nell’adottare servizi e strumenti in favore di una maggiore e migliore occupazione nel settore primario – sottolinea Luigi Bassani, presidente di Agribi -. Un portale raccoglierà le offerte di lavoro delle aziende, che avranno la possibilità di creare la propria area riservata all’interno, in cui poter inserire i dati e la descrizione della propria attività, ma soprattutto creare annunci di lavoro e gestire le candidature pervenute in totale autonomia e gratuità. Ma la cosa più importante è che sarà messa in atto una sinergia con Veneto Lavoro, che metterà a disposizione la sua banca dati relativa ai lavoratori in cerca di occupazione, e l’Anpal. La presenza nell’ente delle tre maggiori associazioni datoriali e dei tre sindacati dei lavoratori potrà garantire il monitoraggio della trasparenza e della correttezza dei servizi offerti, svolgendo inoltre attività di contrasto dei fenomeni di lavoro nero e sfruttamento del lavoro in agricoltura”.

Applaude Paolo Ferrarese, presidente di Confagricoltura Verona: “Confagricoltura è molto soddisfatta di questo passo importante dell’ente bilaterale, perché il tema dell’incontro tra domanda e offerta di lavoro in agricoltura è da sempre critico. Ci auguriamo che questo contributo possa essere significativo, aprendo nuovi sbocchi occupazionali nel segno della legalità e della trasparenza”.

Daniele Salvagno, presidente di Coldiretti Verona: “Abbiamo sostenuto, come parte datoriale, l’evoluzione che ha avuto in questi anni, fin dalla sua costituzione, Agribi, facendosi conoscere da aziende e lavoratori veronesi con iniziative volte a tutelarli non solo in ambito lavorativo ma anche familiare. Questo nuovo progetto consentirà agli utenti di Agribi di trovare occasioni di domande e offerte in modo trasparente, con il supporto di personale qualificato e coordinato con le istituzioni locali; il tutto per escludere fenomeni di elusione delle norme di legge che concorrono a creare situazioni spiacevoli anche di concorrenza sleale tra le aziende”.

Andrea Lavagnoli, presidente di Cia agricoltori italiani - Verona: “Con l’apertura di uno sportello, in convenzione con Veneto Lavoro, Agribi mette in campo uno strumento concreto per combattere l’illegalità e lo sfruttamento di chi è impiegato nei campi, in difesa dei lavoratori e a tutela delle aziende che operano nel rispetto della legge. Grazie all’inserimento dei curriculum in un’apposita banca dati lavoro, il servizio di incontro tra domanda e offerta, infatti, offre la possibilità a chi cerca lavoro di essere rapidamente contattato dalle imprese che hanno necessità di personale. È un’azione concreta per cambiare il mercato del lavoro tramite un modello trasparente e partecipato dalle parti sociali, che offra una concreta e valida alternativa al caporalato”.

Per i sindacati dei lavoratori Giuseppe Bozzini, vicepresidente di Agribi e segretario regionale di Uila-Uil, osserva che “questo ulteriore passo in avanti dell’ente bilaterale, unico in Italia per quanto ha fatto in tema di sicurezza sul lavoro, punta a un’agricoltura di qualità, che si traduce in più sicurezza e qualità dei prodotti. Offrire servizi per un mercato del lavoro trasparente, sorretto da un’adeguata formazione professionale, è il modo di rispondere alle molteplici esigenze di professionalità e flessibilità di cui gli agricoltori veronesi necessitano”.

Giampaolo Veghini, segretario di Fai-Cisl, concorda: “Con questa trasformazione l’ente bilaterale veronese si rafforza ulteriormente. Un impegno che ci porta a una maggiore assunzione di responsabilità, con l’opportunità di agire concretamente in contrasto al caporalato”.

Aggiunge Mariapia Mazzasette, segretario di Flai-Cgil: “Agribi è un risultato della contrattazione e ne conferma l’importanza. Quando associazioni datoriali e organizzazioni sindacali riescono a trovare un terreno di azione comune, le condizioni di lavoratrici e lavoratori migliorano. Le prestazioni erogate da Agribi rappresentano un supporto reale e concreto per la vita di chi lavora in agricoltura”.

 

LE ORGANIZZAZIONI COINVOLTE

AGRIBI: L’ente bilaterale per l’agricoltura veronese ha tra i suoi scopi l’integrazione dei trattamenti assistenziali di legge, in caso di malattia o di infortunio degli operai agricoli, l’erogazione di prestazioni a sostegno del reddito, la promozione di misure per migliorare la sicurezza nei luoghi di lavoro e la promozione della formazione per gli operai e le aziende del comparto agricolo. Inoltre si adopera per agevolare l’incontro tra domanda e offerta di lavoro nel settore primario e sostenere azioni di contrasto ai fenomeni di lavoro nero e sfruttamento in agricoltura.

ANPAL: Agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro, coordina le politiche del lavoro per le persone in cerca di occupazione e la ricollocazione dei disoccupati. Mette in campo strumenti e metodologie a supporto degli operatori pubblici e privati del mercato del lavoro. È responsabile del sistema informativo per la gestione del mercato del lavoro, dove confluiscono le informazioni su chi cerca lavoro, utili all'inserimento professionale.

VENETO LAVORO: Ente della Regione, collabora con le strutture regionali competenti in materia di lavoro in tema di programmazione, gestione e valutazione degli effetti delle politiche del lavoro; favorisce la qualificazione dei servizi per il lavoro, attraverso attività di ricerca, studio e documentazione; promuove l’attuazione di specifiche politiche per i settori in crisi o per le aree territoriali caratterizzate da declino industriale, che coinvolgano le istituzioni locali e le parti sociali, avvalendosi dell’assistenza di soggetti accreditati pubblici e privati, anche attraverso specifici accordi di area.

Sito Web: https://agribi.verona.it

UILA VERONA
Corso Venezia, 107 Verona (VR)
Telefono sede 045 9813561 - Fax 045 533776

UILA TRENTO
Via G. Matteotti 22, Trento (TN)
Telefono Segreteria 346 0210046 - Fax 045 533776

Sede di Bovolone
Via Paradiso 2c, Bovolone (VR)
Telefono e Fax 045 6901291
 

Sede di Legnago
Via della Repubblica, 1a Legnago (VR)
Telefono 0442 99545

Sede di Isola della Scala
Via Cavour 9, Isola della Scala (VR)
Telefono e Fax 045 7300472

Recapito di Ronco all'Adige
Viale Vittorio Veneto, 13 - Ronco all’Adige (VR)
Sala Civica Comunale - Stanza n.3
Telefono 345 7368946

Info e orari

 

Uil