Sicurezza, fermare la strage delle morti bianche in agricoltura

mer 19 aprile 2023

“La cultura della prevenzione deve assumere carattere prioritario nel nostro Paese, promuovendo già a partire delle scuole la tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Ma servono anche misure economiche e fiscali che incentivino l’ammodernamento delle macchine agricole, causa spesso di incidenti fatali, il sostegno all’innovazione tecnologica per ridurre l’esposizione ai rischi ed un rafforzamento ulteriore del ruolo delle parti sociali per le politiche attive del lavoro.”

Lo ha dichiarato Enrica Mammucari, segretaria nazionale Uila, nel corso del suo intervento al convegno “Le Morti bianche in agricoltura” che si è svolto, a Roma, presso Palazzo Valdina alla Camera dei Deputati.

“L’agricoltura rappresenta un’eccellenza strategica, chiamata a vincere con gradualità e in modo sostenibile sia a livello sociale che economico le sfide della transizione green. A maggior ragione non è più accettabile che andare a lavorare significhi rischiare di morire o restare inabili” ha proseguito Mammucari. “I dati degli infortuni mortali in agricoltura, che ogni anno coinvolgono tra 120 e 150 lavoratori dipendenti e autonomi, devono farci riflettere sul tema dell’informazione e della formazione necessaria a realizzare una modalità dell’organizzazione del lavoro consapevole e responsabile. In questo senso la bilateralità contrattuale agricola, sia nazionale che territoriale, è uno strumento che da anni sostiene tanto la formazione obbligatoria nelle imprese quanto l’istituzione dei rappresentanti della sicurezza Rlst, nonché la formazione continua tramite Foragri. Le parti sociali, grazie al ruolo della bilateralità, possono svolgere un ruolo ancora più determinante per l’agricoltura italiana anche favorendo il collegamento tra scuola e lavoro, in modo da garantire al settore manodopera competente e specializzata.” 

 “Non si tratta solo di un aspetto etico” ha concluso Mammucari “ma anche organizzativo e produttivo: il valore della vita umana non può ridursi a merce di scambio dei fattori produttivi.” 

UILA VERONA
Corso Venezia, 107 Verona (VR)
Telefono sede 045 9813561 - Fax 045 533776
e-mail: verona@uila.it   
PEC: uilaveronatrento@pec.it

UILA TRENTO
Via G. Matteotti 22, Trento (TN)
Telefono Segreteria 346 0210046 - Fax 045 533776

Sede di Bovolone
Via Paradiso 2c, Bovolone (VR)
Telefono e Fax 045 6901291

Sede di Castel D'Azzano
Via IV Novembre, 5 - 37060 Castel D'Azzano (VR)
Telefono 045 4858708

Sede di Legnago
Via della Repubblica, 1a Legnago (VR)
Telefono 0442 99545

Sede di Isola della Scala
Via Cavour 9, Isola della Scala (VR)
Telefono e Fax 045 7300472

Recapito di Ronco all'Adige
Viale Vittorio Veneto, 13 - Ronco all’Adige (VR)
Sala Civica Comunale - Stanza n.3
Telefono 345 7368946

Info e orari

 

Uil

Informazioni sui cookie presenti in questo sito

Questo sito utilizza cookie tecnici e statistici anonimi, necessari al suo funzionamento. Utilizza anche cookie di marketing, che sono disabilitati di default e vengono attivati solo previo consenso da parte tua.

Per saperne di piĆ¹ x